STAND CERSAIE CERDOMUS

Stand espositivo per CERDOMUS al CERSAIE 2018

Il progetto dello stand prende spunto dalle logiche di un agglomerato urbano come il borgo. I volumi si aggregano, i vuoti si riempiono. Un piano cartesiano fatto di elementi regolari costituisce il punto di partenza del progetto. La trama viene poi scomposta, alterata, privata di alcuni tasselli. Da questo processo di decostruzione e scomposizione nasce il layout di progetto.

L’esterno si caratterizza come un pieno, o meglio un pieno discontinuo. Le cesure, le variazioni di forma e gli angoli di visuali alleggeriscono infatti il volume e creano dei cannocchiali verso l’interno. La sensazione è quella che si ha girando in un vicolo quando si è sorpresi da uno scorcio di panorama non atteso.

Il nucleo centrale è invece un vuoto: il vuoto di una piazza, di un punto che aggrega i volumi circostanti. Il percorso di chi visita lo stand è un percorso che vede un punto centrale, la piazza, come passaggio obbligato tra una collezione e l’altra.